fbpx

Dieta chetogenica

1988-2018: 30 anni di storia ed esperienza
28 dicembre 2018
Linforma
5 marzo 2019
Mostra tutto

L’alimentazione gioca un ruolo chiave: essa, unita agli altri trattamenti, dev’essere infatti considerata come terapia integrante nella gestione quotidiana della patologia.

Nelle pazienti affette da lipedema è di fondamentale importanza intervenire con un approccio multidisciplinare.

IN CHE MODO LA DIETA PUÒ INFLUIRE SULLA PATOLOGIA?

La dieta chetogenica. Il trattamento dietetico per chi soffre di lipedema dev’essere finalizzato a ridurre e a migliorare i sintomi ad esso associati, come l’infiammazione e il dolore.  La peculiarità di questa patologia è l’estrema difficoltà nel perdere peso soprattutto nelle aree interessate dal lipedema. Le cellule adipose lipedematose sono più sensibili agli zuccheri che vengono facilmente convertiti in grasso di deposito provocando quindi la crescita abnorme del tessuto adiposo dell’area coinvolta, innescando un processo infiammatorio. Il trattamento dietetico per chi soffre di lipedema dev’essere quindi finalizzato a migliorare il quadro metabolico e a ridurre per quanto più possibile il tessuto adiposo, l’infiammazione e il dolore.

Che patologie curiamo QUI

dieta chetogenica

DIETA CHETOGENICA

La dieta chetogenica prevede un ridottissimo contenuto di carboidrati. È necessario precisare che la dieta chetogenica non è una dieta iperproteica bensì normo proteica. I vantaggi della dieta chetogenica sono molteplici: maggiore aumento della lipolisi (è una dieta finalizzata alla perdita di massa grassa), maggiore efficienza nell’utilizzo dei lipidi, miglioramento della glicemia e dell’insulinemia, riduzione dell’appetito e dell’infiammazione dovute ai corpi chetonici. Tuttavia, è importante sapere che anche un piccolo sgarro può compromettere i risultati ottenuti.

maddalena cavallo

dott.ssa Cavallo, nutrizione chetogenica e antinfiammatoria presso il Centro Medico

Per chi avesse difficoltà a seguire un regime alimentare troppo restrittivo, è comunque fondamentale adottare un’alimentazione antinfiammatoria privilegiando il consumo di alcuni specifici alimenti.

Qualunque sia la scelta dieto-terapica, è di fondamentale importanza la valutazione e il monitoraggio del professionista, il quale sarà in grado di analizzare caso per caso e definire il percorso personalizzato più idoneo in base alla storia, l’anamnesi e gli obiettivi del paziente.

Per maggiori informazioni o per fissare una consulenza, contattaci: 049 707 2108.